Pensione di reversibilità

La ripartizione della pensione di reversibilità tra coniuge divorziato e coniuge superstite: conta solo la durata del matrimonio?

16 LUGLIO 2020 L’ordinanza della Corte di Cassazione, Sez. lavoro, n. 8263 del 28.04.2020, ritorna sulla questione dei criteri di ripartizione della pensione di reversibilità tra ex coniuge e coniuge superstite, precisando che la ripartizione deve tener conto, oltre al criterio della durata dei matrimoni, anche di altri elementi correttivi, quali l’entità dell’assegno divorzile a favore dell’ex coniuge, le condizioni economiche dei soggetti interessati ed anche la durata delle convivenze prematrimoniali.

I criteri di ripartizione della pensione di reversibilità tra coniuge divorziato e coniuge superstite

31 MARZO 2020 L’ordinanza della Corte di Cassazione n. 5268 del 22.01.2020, ritorna sulla questione dei criteri di ripartizione della pensione di reversibilità tra ex coniuge e coniuge superstite, precisando che nella ripartizione, oltre al criterio della durata dei matrimoni, si deve tener conto di vari elementi, tra cui la durata delle convivenze prematrimoniali.

Il coniuge superstite non titolare di assegno di mantenimento ha diritto alla pensione di reversibilità

04 APRILE 2019 Con l’ordinanza n. 7464 depositata il 15 marzo 2019, la Sezione lavoro della Corte di Cassazione è intervenuta, ancora una volta, sul tema dei requisiti per ottenere la pensione di reversibilità da parte del coniuge separato, con o senza addebito, ribadendo che la sua fruizione è direttamente collegata allo status di coniuge superstite, senza richiedere alcun ulteriore requisito, quale la titolarità di un assegno alimentare o di mantenimento .

I criteri di ripartizione della pensione di reversibilità tra coniuge superstite e coniuge divorziato: storia di un’odissea giudiziaria

05 LUGLIO 2018 L’ordinanza n.11202/2018 della Cassazione civile ha riaffermato il principio, già enunciato nella sentenza n. 4867/2006, per il quale la ripartizione del trattamento di riversibilità, in caso di concorso fra coniuge superstite e coniuge divorziato, deve essere effettuata, oltre che sulla base del criterio della durata del rapporto matrimoniale, anche valutando ulteriori elementi “correttivi” del criterio temporale, tra cui la convivenza prematrimoniale del secondo coniuge.

APF, avvocati per le persone e le famiglie

04 DICEMBRE 2017 “APF, Avvocati per le Persone e le Famiglie” è un’associazione nata a Treviso nell’agosto 2017 per iniziativa di 70 avvocati, soci fondatori.  E’ aperta all’adesione di tutti i Colleghi interessati a svolgere la loro attività nel settore del diritto di famiglia con la consapevolezza che questo ambito tocca diritti fondamentali, per la tutela dei quali l’avvocato ha un ruolo sociale insostituibile e, correlativamente, una grande responsabilità.
Ok
Questo website usa cookies. Maggiori dettagli