Il protocollo ADS del Tribunale di Venezia

Il 29 novembre 2021, il Presidente del Consiglio dell’Ordine degli avvocati e il Presidente del Tribunale hanno siglato un accordo che recepisce il protocollo procedimentale in materia di amministrazione di sostegno per il circondario di Venezia.

Il documento regola la procedura di nomina, il ruolo e l’attività dell’avvocato o praticante avvocato designato ad amministratore di sostegno.

Obiettivo della pubblicazione è quello di uniformare le migliori prassi già sperimentate nel foro, riguardo a poteri, doveri e responsabilità di chi assume l’incarico, al fine di fornire uno strumento di orientamento ed operativo utile per il professionista, nell’ottica di tutela dell’interesse del beneficiario.

Nella prima parte, si individuano le norme generali e il contenuto minimo del decreto di nomina, che deve già conferire all’amministratore il potere di operare presso istituti di credito, poste e compagnie di assicurazione, contemplando, se del caso, le autorizzazioni necessarie a risolvere eventuali situazioni d’urgenza.

Nella seconda parte, si parla di “consenso informato” al trattamento sanitario, distinguendo tra l’ipotesi in cui il beneficiario conservi una capacità di intendere e volere, tale da consentirgli di assumere decisioni sul proprio stato di salute, e l’ipotesi in cui, in presenza di una relazione psichiatrica che ne attesti l’incapacità, tale potere di scelta spetti, invece, all’amministratore di sostegno.

Nella terza parte, si disciplinano alcuni accorgimenti a tutela del diritto alla riservatezza, per evitare che attraverso l’esibizione, nei rapporti coi terzi, del decreto di nomina possano circolare dati sensibili del beneficiario.

Nella quarta parte, si stabiliscono le regole formali per l’intestazione delle istanze al Giudice tutelare e gli adempimenti da espletare in relazione ai singoli subprocedimenti, con particolare riguardo a: compravendita di immobili, investimenti, difesa tecnica nei procedimenti civili, penali, amministrativi, tributari, di negoziazione assistita e mediazione, separazione personale e divorzio, accettazione di eredità con beneficio di inventario e morte del beneficiario.

Nella quinta parte, sono determinati i criteri di liquidazione delle indennità, che devono essere calcolate tenuto conto della difficoltà dell’incarico, con riferimento al valore e alla composizione del patrimonio oggetto di intervento.

Nella sesta parte, sono, infine, trattati i profili di diritto internazionale privato.

RG

Allegati

Ok
Questo website usa cookies. Maggiori dettagli