Omogenitorialità, P.M.A. e stato civile: la Consulta si pronuncia sui diritti del genitore “intenzionale”, escludendo che l’aspirazione alla genitorialità sia un “diritto fondamentale”

| Filiazione e adozione di Giampaolo Miotto, Avvocato in Treviso Con la sentenza n. 230/2020, pubblicata il 20 ottobre 2020, la Corte costituzionale è tornata a pronunciarsi su una questione legata all’omogenitorialità e, specificamente, sul divieto di indicare quale genitore del figlio nato all’estero, a seguito di fecondazione medicalmente assistita, la “madre intenzionale” del medesimo, unita civilmente a quella naturale.

Omogenitorialità, P.M.A. e stato civile: la Consulta si pronuncia sui diritti del genitore “intenzionale”, escludendo che l’aspirazione alla genitorialità sia un “diritto fondamentale”

23 NOVEMBRE 2020 di Giampaolo Miotto, Avvocato in Treviso Con la sentenza n. 230/2020, pubblicata il 20 ottobre 2020, la Corte costituzionale è tornata a pronunciarsi su una questione legata all’omogenitorialità e, specificamente, sul divieto di indicare quale genitore del figlio nato all’estero, a seguito di fecondazione medicalmente assistita, la “madre intenzionale” del medesimo, unita civilmente a quella naturale.

Risoluzione del Parlamento Europeo del 20.10.2020: raccomandazioni alla Commissione e proposta di Regolamento sugli aspetti etici di intelligenza artificiale, robotica e tecnologie correlate

23 NOVEMBRE 2020 A cura di Cristina Arata, Avvocato in Castelfranco Veneto (TV) Il Parlamento europeo, riunito in sessione plenaria, alla fine dello scorso mese di ottobre, ha approvato un testo di raccomandazioni alla Commissione europea sulle molteplici tematiche etiche e giuridiche implicate nello sviluppo dell’Intelligenza Artificiale (IA).

La pregiudizialità dell’azione di status rispetto all’azione di regresso del genitore

Massimo Osler, Avvocato in Padova Con ordinanza n. 16561/2020, depositata in data 31.7.2020, la Corte di Cassazione ha confermato che, nel caso in cui un solo genitore abbia riconosciuto il figlio e lo abbia mantenuto in via esclusiva, il diritto di questi al recupero pro quota delle somme che sarebbero state dovute dall’altro genitore si prescrive nel termine ordinario di dieci anni che decorre non dall’effettuazione della singola spesa, ma dal passaggio in giudicato della sentenza di accertamento della filiazione. 09 NOVEMBRE 2020

Etica, Diritto e Intelligenza Artificiale in Europa ai tempi del COVID

Cristina Arata, Avvocato in Castelfranco Veneto Lo sviluppo scientifico e tecnologico di questo nuovo millennio è senza dubbio caratterizzato dal progressivo diffondersi dell’uso di processi decisionali automatizzati ed algoritmici, che hanno ormai un impatto diretto non solo sulle scelte dei singoli individui, ma anche sulle decisioni delle autorità pubbliche. 09 NOVEMBRE 2020
Ok
Questo website usa cookies. Maggiori dettagli